top of page
Cerca

Uso problematico dei videogiochi


Giocare ai videogiochi è un atto della vita quotidiana, una forma di intrattenimento su scala mondiale. Videogiochi come "Super Mario", "The Legend of Zelda" tra gli altri, fanno parte di molte delle nostre vite. Possono essere divertenti, stimolanti, trasportarti in mondi di grande bellezza, fantasia e immaginazione, avere il potenziale per riunire amici e familiari, migliorare la destrezza e persino un po' di memoria. Alcune ricerche suggeriscono che giocare ai videogiochi può ridurre lo stress (Farmer et al., 2022) e soddisfare bisogni psicologici come autonomia, competenza e appartenenza (Pszybylski et al., 2010), così come aiutare i giocatori a distrarre da potenziali pensieri ruminanti su eventi stressanti (Reinecke., 2009)


La maggior parte delle persone gioca ai videogiochi senza sviluppare problemi comportamentali, ma ci sono alcune persone che possono risentire del modo in cui gestiscono le proprie abitudini di gioco, sviluppando abitudini comportamentali relative all'uso dei videogiochi che compromettono seriamente alcune aree della loro vita.

Immagine: "Super Mario" Nintendo


La ricerca scientifica è stata impegnata per comprendere e teorizzare la questione dei rischi e dei disturbi derivanti dall'utilizzo problematico dei videogiochi, ma anche i benefici che i videogiochi possono avere dall'età scolare con le classi fino ad età più avanzate migliorando le aree cognitive di alcune persone . Presto potremmo avere persone che possono trarre vantaggio dall'uso dei videogiochi, altre che non possono.


L'Organizzazione mondiale della sanità ha riconosciuto il "disturbo del gioco" come diagnosi di malattia mentale nel suo Manuale di classificazione mondiale delle malattie 11a revisione (ICD-11).


Alcuni segni da considerare quando si parla di disturbo dei videogiochi potrebbero essere:

- se la persona si sta davvero divertendo con il videogioco o se invece peggiora il suo umore.

- se giochi per obbligo, non potendoti fermare, ad esempio per vedere se sconfiggi quel capo impiegando ore e talvolta tutta la notte a giocare, lasciando la persona esausta compromettendo la sua giorno scuola/lavoro/benessere.

- isolamento prolungato.

- preferisci giocare d'azzardo anche se danneggia le tue relazioni, la tua professione e la tua salute.


La definizione dell'Organizzazione Mondiale della Sanità definisce il "disturbo del gioco" come "un modello di comportamento videoludico ("gioco digitale" o "videogioco") caratterizzato da un controllo alterato del gioco, dando priorità all'uso dei videogiochi al a scapito di altre attività e interessi della vita quotidiana, e la continuazione o il peggioramento dell'uso dei videogiochi anche con conseguenze negative" (WHO, 2019).


Perché esista un effettivo rischio o addirittura disturbo, dipendenza da videogiochi, il fattore preponderante sono le conseguenze negative che l'uso dei videogiochi può avere sulla vita della persona, che pur essendo dannosi, impattando negativamente sulla vari ambiti della loro vita personale, familiare, sociale, professionale/scolastica, non possono, senza aiuto, ridurre il tempo di gioco o smettere di giocare.


I videogiochi non sono né "buoni" né "cattivi" e continuare a etichettarli in questo modo contribuisce a una dicotomia eccessivamente semplificata. I videogiochi utilizzano e interagiscono con i videogiochi e le loro conseguenze.


Immagine: "The Legend of Zelda - Breath of the Wild" Nintendo.


Riferimenti:


Pszybylski, A.K., Rigby, C.S. e Ryan, RM (2010). Un modello motivazionale di coinvolgimento nei videogiochi. Rassegna di psicologia generale, 14(2), 154-166.


Organizzazione mondiale della sanità, 2019. https://www.who.int/standards/classifications/frequently-asked-questions/gaming-disorder

コメント


bottom of page